con il patrocinio de
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday45
mod_vvisit_counterYesterday34
mod_vvisit_counterThis week144
mod_vvisit_counterLast week192
mod_vvisit_counterThis month551
mod_vvisit_counterLast month912
mod_vvisit_counterAll days559113

We have: 8 guests online
Your IP: 54.158.238.108
 , 
Today: Ott 18, 2017


Designed by:

PDF Stampa E-mail

ORIGINI E STORIA DELL'ASPARAGO

 

L'asparago, originario dell'Asia, era già noto ed apprezzato, anche se soltanto come pianta spontanea, al tempo degli antichi Egizi, che ne introdussero e diffusero la coltivazione nell'intero bacino del Mediterraneo.

La "Storia delle Piante" del greco Teofrasto, che viene fatta risalire a circa 300 anni prima di Cristo, fornisce la prima documentazione letteraria relativa a questo ortaggio.

I Romani, probabilmente, raccoglievano i turioni delle piante selvatiche; da queste selezionarono in seguito i ceppi adatti alla coltura. Infatti, Catone ne descrisse le tecniche di impianto nell'opera "De agricoltura".

Anche il famoso naturalista latino Plinio dedicò attenzione all'asparago nella sua monumentale opera "Naturalis Historia", e, oltre ad esaltarne le qualità gastronomiche, ne illustrò in dettaglio anche il metodo di coltivazione.